Contemplare

childhood

Nel linguaggio comune il termine \”meditazione” è inteso spesso in un senso mistico-religioso che rischia di portarci fuori strada. In realtà   meditare è soprattutto un modo di rapportarsi alle cose e agli eventi, e le tecniche meditative sono strumenti per prepararci allo stato di vuoto che attiva al meglio la capacità  rigeneratrice del cervello.

Più ci addentriamo dentro questo stato d\’animo, più percepiamo nitidamente quanto siamo spesso   prigionieri delle nostre intenzioni, dei nostri scopi, degli obiettivi che abbiamo in mente. E soprattutto quanto la sofferenza o il disagio dipendano dal fatto che riempiamo la nostra vita di cose, pensieri e convinzioni inutili.

àˆ allora di fondamentale importanza per il nostro benessere  cercare più volte al giorno uno spazio contemplativo, che ci consenta di ”fare il salto” dalla periferia al centro del nostro essere ed entrare in uno stato di consapevolezza rilassata, in cui possiamo essere testimoni di noi stessi. Riuscirci e farlo diventare un modo naturale di stare nel mondo non è difficile.

Ritrova la profondità  dell\’esistenza

Stai camminando verso la tua macchina, oppure sei in treno o in un negozio o dove vuoi. Per trasformare questa azione in uno momento contemplativo, ti basta farla con totale consapevolezza. Questo vuol dire non essere fagocitato dai pensieri sul dove andrai una volta salito in auto o su cosa comprerai da mangiare in negozio.

Rimani presente nel tuo camminare e basta, consapevole delle persone che ti circondano, dei suoni, dei movimenti, dei colori e degli odori, senza che questo comporti alcun giudizio, con un atteggiamento come questo: “Così è l\’istante che sto vivendo e non è né bene né male ».

Diventa testimone di te stesso

Questo tipo di osservazione interiore \”distesa”, man mano che diventa un abituale modo di essere, accorcia la distanza tra la mente “pesante”, intasata di opinioni a senso unico, e la mente sottile, capace di trovare risposte impensabili in tempi rapidissimi. Hai un problema? Al posto di arrovellarti cerca il tuo spazio contemplativo.

Stai soffrendo? Invece di torturarti o cercar conforto, sii attento testimone al tuo dolore.  Impegnati a farlo, più volte che puoi. Ti sorprenderai di quanto osservarti in modo disteso ti farà  \”saltare” la tappa dei labirinti mentali di sempre per portarti nell\’immediato   soluzioni insospettabili.

Così ogni istante diventa il più importante

Puoi farlo sempre, anche mentre fai le azioni più semplici, per esempio mentre stai leggendo un libro o cucinando. Non devi nemmeno chiudere gli occhi: fermati un istante e diventa consapevole del tuo respiro. Non ne stai modificando il ritmo, lo stai semplicemente osservando.

Così come non lo stai giudicando, non stai pensando ad esso: sei solo testimone di te stesso nell\’istante che vivi. E così, dal nulla, rigeneri l\’energia della vita dentro di te.

http://www.riza.it/psicologia/l-aiuto-pratico/3868/contempla-la-mente-ringraziera.html

 

 



Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.