Elogio all’inutilità

albero_secolare

Lao Tzu stava viaggiando con i suoi discepoli e giunsero in una foresta dove centinaia di taglialegna stavano abbattendo gli alberi, poiché si doveva costruire un palazzo molto grande.

Quasi tutta la foresta era stata tagliata, ma un albero restava in piedi, un albero maestoso con molti rami – così grande che centinaia di persone avrebbero potuto sedersi sotto di lui, alla sua ombra.

Lao Tzu chiese ai suoi discepoli di andare a informarsi del motivo per cui quest’albero non era ancora stato tagliato, laddove l’intera foresta era ormai rasa al suolo. I discepoli andarono e chiesero al capomastro: “Come mai non avete tagliato quest’albero?”.

Il capomastro rispose: “Quest’albero è assolutamente inutile. Non se ne può ricavare nulla perché ogni suo ramo è troppo nodoso. Nulla in lui è lineare. Non ne puoi fare pilastri, non ne puoi fare mobili. Non lo si può usare come combustibile, perché il suo fumo accecherebbe. Quest’albero è assolutamente inutile. Ecco perché è stato risparmiato”.

I discepoli tornarono da Lao Tzu con la risposta. Egli rise e disse: “Siate come questo albero, se volete sopravvivere in questo mondo – siate assolutamente inutili. In questo caso, nessuno vi farà mai del male. Se siete lineari, verrete tagliati, diventerete mobili nella casa di qualcuno.

Se siete belli, verrete venduti al mercato, diventerete qualcosa di utile, un bene di consumo. Siate come quest’albero, assolutamente inutili. In questo caso, nessuno potrà mai farvi del male. Crescerete alti e maestosi, e migliaia di persone potranno riposarsi alla vostra ombra”.

Lao Tzu possiede una logica completamente diversa da quella che governa la nostra mente. Dice: “Sii l’ultimo”. Muoviti nel mondo come se non esistessi. Resta uno sconosciuto. Non cercare di essere il primo, non essere competitivo, non cercare di dimostrare il tuo valore. Non è necessario. Resta inutile e gioisci. Certo, non è pratico.

Ma se comprendi ciò che dice, scoprirai che questa è la cosa più pratica, a un livello più profondo, poiché lo scopo della vita è gioire e celebrare, lo scopo della vita non è diventare qualcosa di utile. La vita è più una poesia che un bene di consumo; dovrebbe essere più simile a una poesia, a un canto, a una danza.

Lao Tzu dice: “Se cerchi di essere molto astuto, se cerchi di essere molto utile, verrai usato. Se cerchi di essere molto pratico, in un modo o nell’altro verrai comprato, perché il mondo non può lasciare in pace un uomo pratico. Abbandona tutte queste idee. Se vuoi essere una poesia, un’estasi, dimentica ogni idea di utilità. Resta vero a te stesso”.



I commenti sono chiusi.