L’enigma

 

Non puoi ottenerlo pensandolo, non puoi ottenerlo  non pensandolo.  Zenrin-kushu

 

In questa sentenza di un testo dello Zen (edito nel 1688),  troviamo espresso il koan per eccellenza. Si tratta di un  enigma, di un compito, che sembra paradossale.

In realtà, l’alternativa fra il pensare e il non pensare  è in questo caso solo apparente. Entrambe le operazioni sono infatti volute dalla mente, sono intenzionali, e  ciò che è comandato dalla volontà  non può ottenere,  ovviamente, ciò che è un puro stato di spontaneità .  Qual è allora la Via? Abbandonare la “mentalità  acquisitrice”, la volontà  di costringere qualcosa nei nostri  schemi.

Non dobbiamo ottenere o conquistare qualcosa;  dobbiamo liberarci di qualcosa.

 

Tratto da: “Il libro delle meditazioni zen“ Claudio Lamparelli – Oscar Mondadori



Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.