Identificazioni pericolose

wavesdrop

Invece di definire il proprio modo di sentirsi dicendo, ad esempio: “Io sono nervoso o arrabbiato o infelice o triste…”, identificandoci nell\’emozione provata, ci si può staccare (disidentificare) dalla stessa. Così si diviene consapevoli che l\’emozione è un evento comunque passeggero che prima c\’era, e tra un po\’ di tempo non ci sarà  più, mentre Io c\’ero prima, ci sarò dopo, ma ci sono soprattutto in questo momento.

àˆ però doverosa una precisazione per chi volesse \”giocare” sia a \”disidentificarsi”: quella di non opporsi all\’emozione provata ma di arrendersi ad essa, lasciandosi invadere in maniera totale.                                          

Le frasi giuste da dirsi

Quando provi una emozione che ti fa soffrire:

  • Cerca di porti in un atteggiamento mentale di accettazione di quello che sta avvenendo in te, senza chiederti perché e come.
  • Concentrati su queste parole, che puoi dire ad alta voce o con il linguaggio interno (come preferisci): \”Oggi c\’è rabbia – o l\’emozione provata – in me; ma io non sono la mia rabbia;io ero io prima della mia rabbia; io sarò io quando la rabbia sarà  passata”.

L\’esercizio: un sasso nello stagno delle emozioni

Una tecnica che ci può aiutare a elaborare positivamente gli stati interiori che ci turbano.

  • Quando un\’emozione sgradevole ti coglie, prima lasciala venire, accettala, accoglila in te. Poi raccogli un sassolino o un altro oggetto che non galleggi e dagli il nome dell\’emozione che stai provando. Getta il sasso (o l\’oggetto scelto) nell\’acqua e concentrati ad osservare esclusivamente i cerchi che si formano, si espandono e scompaiono. Puoi ripetere quante volte desideri questa semplice azione. Concludila facendo qualche profondo respiro prolungandone l\’aspirazione.
  • Non è sempre possibile avere a disposizione dell\’acqua in quantità  adeguata, per cui il gioco può essere fatto con l\’immaginazione, tenendo però presente di farlo nella realtà  quando avrai a disposizione l\’acqua (laghetto, stagno, lago, pozza…), rafforzando così la tua capacità  immaginativa.

da:  http://www.riza.it/psicologia/l-aiuto-pratico/3856/serenita-un-arte-da-imparare.html



Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.