Trauma o scusa?

shadow_hand

Succede ed è più frequente di quanto si pensi: attribuire il valore di “trauma” a un evento del passato che in realtà , mentre accadeva, non possedeva reali caratteristiche traumatizzanti, e renderlo così capace di influenzare ancora in modo sensibile il presente. Ad esempio sentirsi responsabili per qualcosa che non si è fatto, o aver subito un comportamento aggressivo che non è stato duro come lo ricordiamo, o vivere una perdita transitoria come un evento definitivo. La psicoterapia, strumento elettivo per superare i veri  traumi, dimostra tuttavia che spesso la memoria va alla deriva, che il ricordo viene impregnato di sensazioni anche opposte a quelle realmente vissute.

Comincia in questi casi un lungo lavorio della mente che si fissa al passato e lo assolutizza. Si continua a rimuginare, ci si lamenta, ci si rassegna come se la vita “non facesse per noi”. Ci si comporta insomma come chi non essendo affatto storpio, limitasse di molto i suoi movimenti perché ormai assuefatto a un ruolo di fantasia, che pur nelle limitazioni comporta anche dei vantaggi: sicurezza, identità . Nessuno nega che ci sia e ci sia stata sofferenza. Ma non certo tale da impedire che questi “fossili mascherati” ci rovinino davvero la vita.

I due tipi di falso trauma

Aver subito:  Qualcuno (parenti, amici, sconosciuti) o qualcosa (il mondo, la sfortuna, la situazione) avrebbe infranto o offeso una parte di noi: la fiducia, il senso di casa, il narcisismo, il bisogno d’amore. Ci sentiamo vittime di qualcosa di ingiusto. Più frequente in persone che fanno fatica ad affermarsi in vari ambiti.

Aver inferto:  Ci sentiamo in colpa per aver fatto del male: fisico, psicologico, sentimentale. Avremmo abbandonato qualcuno o non ce ne saremmo occupati abbastanza, avremmo omesso gesti che invece, se compiuti, avrebbero cambiato tutto.

Come smascherarlo

C’è un modo quasi infallibile per intuire se un  trauma  è vero o falso: è falso quando spiega troppe cose ed è portato troppe volte a motivo dei problemi attuali.

Le cause

Perché la memoria a volte ricorda  traumi  inesistenti?

Una cultura iperanalitica

I  traumi  sono meno di quelli che pensiamo. Alla psiche spesso fa comodo trovare un senso e una giustificazione – in modo inconscio – in eventi del passato.

Predisposizione

Alcuni di noi, fina da piccoli, hanno già  una personalità  strutturata sul senso di colpa e sull’essere “vittime”, e per questi è più facile sentire tutto come invasivo.

Rimozione

A volte il  trauma  reale è avvenuto molto tempo prima ma è stato rimosso. Quello che invece pensiamo essere un  trauma  è un evento quasi normale che però richiama, per analogie misteriose, il precedente.

Fantasie intense

Da bambini è possibile fantasticare su eventi temuti ma non accaduti, fino a sentirli veri e ad “archiviarli” nella memoria come fatti reali: una  capacità   che non viene mai perduta del tutto.

Vantaggi inconsci

La personalità  può manipolare la memoria: è così, ad esempio, che uno schiaffo ricevuto una sola volta da bambini davanti agli amici diventa una “violenza inaudita” utile a giustificare, dopo vent\’anni, la propria timidezza.

Cosa fare

Rivista l’evento cercando aiuto

Se la tua mente continua a rimuginare da anni sul presunto  trauma, prova a rivisitarlo con l’aiuto di eventuali testimoni che erano presenti: un genitore, un vecchio amico, un vicino di casa… Fattelo raccontare con calma senza dire prima la tua versione del fatto. Vedrai che durante il racconto affioreranno ricordi che sembravano scomparsi e che ti daranno una prospettiva più ampia e un po’ differente. Apprenderai che il to modo di fissare l’evento non è l’unico.

Raccontalo diversamente

Questo ricordo conflittuale è diventato ormai parte della tua carta d’identità ; è bene disidentificarsene. Prenditi un po’ di tempo e, quando sei solo, racconta a te stesso il “trauma” come te lo sei sempre raccontato. Poi, nei giorni seguenti, prova a raccontarlo in forma diversa: un giorno nello stile di una favola, poi di un thriller, poi di un’avventura, di una cronaca giornalistica, di un evento comico. Il ricordo perderà  potenza traumatica e diverrà  sempre più un semplice ricordo.

Comprendi la fissazione

Attraverso una psicoterapia breve orientata a tal fine, cerca di comprendere i motivi che nel tempo ti hanno spinto a vedere un  trauma  dove non c’era, e se è veramente così. Scoprirli può essere di maggior aiuto rispetto al ripetersi ossessivamente il ricordo così come si è fissato. Liberarsi del passato, specialmente se è ricoperto di rimuginazioni inutili, è la via per predisporsi ad accogliere il presente senza finti occhiali che deformino la realtà .

http://www.riza.it/psicologia/l-aiuto-pratico/3591/liberarsi-di-un-passato-che-non-passa.html

 



Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.